sabato 17 marzo 2012

Fai fondere il tuo pollo



Mi è dispiaciuto un sacco "tacere" in quest'ultimo mese...
Però ci si sono messi di mezzo:
- una "brutta malattia" al pc (virus)
- l'ideazione-cucinamento-foto dei menù per la primavera del sito La Tavola Toscana (tutt'ora da terminare)
- il contatto e la definizione di una data in cui sarò a Milano per una dimostrazione di cucina con strumenti di cottura assolutamente fantastici (vi terrò informati), che mi ha preso molto tempo per ideare ricette da fare espresse davanti ad un pubblico cui spiegare contemporaneamente cosa sto facendo e le caratteristiche dei prodotti; e qui mi sono scoperta un po' autistica perchè mi riesce difficilissimo!

Ma torniamo qualche passo indietro...ricordate i limoni in conserva? Ricetta che aveva riscosso poco consenso, mi pareva. Ma io sono qui per tenere alto il vessillo (sennò che ambasciatrice dei limoni sarei?), e quindi tornano più forti che mai in un impiego tradizionale e riuscitissimo. Ecco a voi la 

Tajine di pollo con limoni in conserva

 Per 4 persone

10-12 cosce di pollo con la pelle
olio evo
2 cipolle bionde medie tritate
100 gr di uvetta sultanina
80 gr di pistacchi sgusciati
2 limoni in conserva, sgocciolati e sciacquati con cura
1 busta di zafferano
1 cucchiaino per ogni spezia: zenzero in polvere, ras el hanout, pepe bianco

Nella tajine o in una casseruola ampia rosolare il pollo con l'olio evo ben caldo, dorando la carne uniformemente. Levare il pollo e soffriggere la cipolla. Aggiungere le spezie, mescolare bene il fondo di cottura che si è creato e rimettere il pollo. Coprire con 250 ml di acqua e far cuocere a fuoco dolcissimo per un'ora. La cottura deve avvenire al coperto: se avete la tajine montate sopra la base quell'architettonico cono, sennò chiudete con un coperchio pesante che minimizzi la fuoriuscita di vapore. Dopo un'ora aggiungete uvetta, pistacchi e limoni tagliati a quarti. continuare per altri 30'; la carne diventerà tenerissima e si staccherà dall'osso . Solo ora, a cottura pressoché ultimata, regolate di sale se necessario. I limoni marinati conferiscono un profumo molto gradevole, il sale necessario e un tipico retrogusto amaricante al piatto. 
Potete servire con un classico cous cous, io ho virato verso oriente proponendo un riso basmati senza condimento, perché la salsa della tajine costituisce da sè un appetitoso completamento.  

Una nota in chiusura: qualche giorno fa accendo la tv in orario post prandiale, mi becco il Jamie (Oliver) a giro per il mediterraneo, puntata sul Marocco. Ecchèttecucina? Alcuni tajine! Lo so di non avere l'esclusiva sulle ricette etniche, però mannaggia mi ha scocciato che l'avesse riproposta alla ribalta lui prima di me, nel 2012! :-)

4 commenti:

  1. Ero proprio alla ricerca di uan ricetta per rinnovare la mia Tajine!!! grazie :)

    RispondiElimina
  2. ...sentirai che buono con quell'amarino dei limoni!

    RispondiElimina
  3. Amiche ;-) !!!! Che meraviglia i tuoi piatti! Io poi amo il pollo, lo mangerei in qualsiasi modo! Bella tua idea!

    RispondiElimina
  4. Ciao, complimenti per questo tuo piatto che deve essere veramente saporito e gustoso.
    Ti seguiamo con piacere. A presto.

    RispondiElimina

Briciole sotto la tavola