venerdì 10 febbraio 2012

L'ambasciatrice dei limoni


Vivo in un paese bellissimo cui vorrò dedicare un post. Diciamo che si tratta del petroso borgo toscano da circa 100 anime, dove si può ancora lasciare l'uscio aperto, dove ci si conosce tutti e si fanno le cene sociali. Dove, se vai in vacanza, lasci il tuo orto-giardino ai vicini, e quando torni lo trovi più bello di prima, magari concimato, potato e risistemato, anche se avevi chiesto solo di innaffiare.
Il mio borgo è famoso per il suo microclima, che permette la produzione di agrumi che, solo pochi metri fuori le mura, morirebbero di freddo. Da noi, invece, anche grazie al clima mite prolungato che ci ha accompagnato fino a pochi giorni fa, quest'anno si è scatenata una rigogliosa produzione.
In pratica? Sono piena di limoni, piena.
Questo blog, lo annuncio, vi farà strizzare le papille, d'ora in avanti!
Mentre mi incaponisco nel trovare il cake di limone perfetto, e che "ecologicamente" impieghi non solo le zeste, ma anche la polpa, comincio a postare una ricetta un po' inconsueta.

Conserva di limoni

Ca. 20 limoni puliti ed asciutti, rigorosamente bio (anzi, meglio proprio naturali)
2 stecche di cannella
3 foglie fresche di alloro
8 chiodi di garofano
10 grani di pepe nero
Sale grosso (ca. mezzo kg)

Dopo aver sterilizzato il vaso da conserva come meglio credete cominciate ad incidere i limoni dalla parte finale del frutto, facendo un taglio a croce fino alla zona di attaccatura del peduncolo. Attenzione: lasciate che restino attaccati e non riduceteli quindi in fette.
Spruzzate i tagli con sale grosso e richiudete il frutto, poi inseritelo nel vaso da conserva; procedete così fino a riempirlo, pigiando ben bene i frutti ed inframmezzandoli con le spezie e gli aromi. Vi entreranno dagli 8 ai 10 limoni. Pressate il succo dei limoni rimasti e versatelo nel barattolo. Spolverate infine di sale grosso. Chiudete con forza il vaso e, a giorni alterni, giratelo. Dopo un mese questa conserva è pronta per accompagnare egregiamente piatti di pesce, carni alla griglia e spiedini, ma si può usare anche per aromatizzare le insalate. I limoni potranno essere serviti a spicchi o tritati. Questa conserva appartiene alla tradizione dei paesi mediterranei del nord Africa.

5 commenti:

  1. Ma che bella questa ricetta! Molto particolare!
    Baci!

    RispondiElimina
  2. Questa ricetta me la segno, ho giusto un po' di limoni da fare fuori :-p

    Ciao,
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, grazie di essere passata!
      Oltre che un modo per "consumare" limoni vedrai che è un'ottimo accompagnamento alle grigliate di pesce e carne...

      Elimina
    2. Ne sono sicura :-)
      L'ho appena fatta e imbarattolata.
      Ho provato solo a farne un barattolo (3 limoni dentro e 1,5 spremuti), essendo la prima volta, non ho voluto esagerare, mica che poi non mi viene :-p
      Tra un mese ti dirò!

      Ciao,
      Sara

      Elimina
  3. questa la voglio proprio provare... adoro il limone!
    Grazie

    :)))

    RispondiElimina

Briciole sotto la tavola